Logo del Parco
Logo del Parco
Parco Regionale della
Vena del Gesso Romagnola
Condividi
Home » Territorio » Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola » Itinerari

La Via del Gesso

Il cammino da Imola a Faenza nel Parco della Vena del Gesso Romagnola tra natura, cultura e prodotti tipici

A piedi         Elevato interesse: geologia Elevato interesse: panorama 
  • Partenza: Imola
  • Arrivo: Faenza

Tre giorni (meglio quattro) di un'incredibile cammino di 70 km (e con apprezzabili dislivelli), tra le due vivaci e dinamiche città dell'Emilia-Romagna che si affacciano sulla Via Emilia, Imola e Faenza, attraverso una spettacolare e, letteralmente scintillante, catena montuosa rocciosa costituita completamente di gesso e ora protetta dal Parco regionale della Vena del Gesso Romagnola.

La Via del Gesso
La Via del Gesso
(foto di Parco Vena del Gesso Romagnola)

Visualizza a schermo intero   Scarica KMZ
 

Roccia chiamata gesso (proprio quello che, una volta trasformato, abbiamo usato tutti sulla lavagna a scuola), o più romanticamente selenite, la pietra di luna, scintillante al sole e nelle notti di luna.

Una via costellata da rupi gessose strapiombanti, custodi di affascinati fenomeni carsici che hanno dato vita a doline, più di duecento grotte e chilometri di percorsi sotterranei, freschi folti boschi e aridi paesaggi dominati da affilati calanchi argillosi, torrenti che scompaiono sotto la roccia, segni di preistoria e storia legati all'uso del gesso e morbide colline che raccolgono coltivazioni agricole di pregio.

La Via del Gesso consente di portarvi nella maniera più appropriata alla scoperta degli ambienti del Parco e della sua storia. E' l'unica via di cammino che può farvi camminare con la fronte baciata dal sole e, se volete, nel buio delle viscere di una montagna; di gesso! Un inconfondibile viaggio a piedi tra la natura di ambienti generati dall'incontro dei caratteri mediterranei e continentali, che qui, in Romagna, si uniscono donandoci una insospettabile ricchezza di biodiversità.

Malgrado le modeste quote raggiunte (la massima elevazione è di 515 m), questa via di cammino presenta dettagli tecnici escursionistici molto interessanti, che non vanno affatto sottovalutati, ma rispettati e valorizzati al fine di organizzare una esperienza escursionistica di viaggio attenta, che ci può donare emozioni e adrenalina.

Un cammino che non deve mancare nei diari dei "nuovi pellegrini" e appassionati di trekking!

Il percorso, parte dalla stazione ferroviaria di Imola, ne passa il suo centro storico e i luoghi legati al tempio dei motori, risale il fiume Santerno verso le rupi gessose, attraversa creste, valli, fenomeni carsici, boschi, coltivazioni agrarie, sapori, storia e natura del Parco della Vena del Gesso Romagnola, ridiscende, attraverso sottili vie di argilla e spettacolari calanchi, fino a Faenza, città che dell'argilla ne ha fatto arte con le sue ceramiche, per concludersi alla sua stazione ferroviaria.

Per la partenza e l'arrivo c'è il comodissimo treno.

Preparazione al cammino

Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?Invia segnalazione