Logo del Parco
Logo del Parco
Parco Regionale della
Vena del Gesso Romagnola
Condividi
Home » Territorio » Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola » Centri Visita

Giardino delle Erbe Officinali

Via del Corso, 6
48032 Casola Valsenio (RA) | Localizza sulla mappa
Comune: Casola Valsenio

Tel. 054673158
E-mail: info@ilgiardinodelleerbe.it
Web: ilgiardinodelleerbe.it

C'è un luogo, adagiato nella Valle del Senio, dove profumi, suoni e colori si fondono in un turbinio di emozioni che appagano gli occhi e danno pace allo spirito. Sensazioni che il Prof. Augusto Rinaldi Ceroni ha posto alla base della sua creazione. Pioniere dell'erboristeria italiana, ideatore ed animatore di molte iniziative che hanno dato lustro a Casola Valsenio.

Dall'impianto di un primo orto di piante officinali negli anni 30', la sua opera si è man mano sviluppata, fino all' inaugurazione nel 1975 del Giardino delle Erbe, centro di divulgazione e sperimentazione sulle piante officinali ed in particolare sulla lavanda.
Il Giardino, inserito nel circuito Museale della provincia di Ravenna, di proprietà della Regione Emilia-Romagna e dal 2015 gestito dal Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola con l'affidamento alla Cooperativa Valle del Senio, annovera circa 480 specie di piante officinali utilizzate in cucina, nella medicina e nella cosmesi fin dal basso Medioevo, quando venivano lavorate nelle officine dei conventi.

Il Giardino è visitabile liberamente nelle ore diurne in ogni periodo dell'anno osservando le norme di comportamento dettate dal buon senso e dal rispetto delle strutture e delle coltivazioni. I visitatori sono quindi tenuti a seguire i percorsi esterni alle parcelle coltivate, evitando di strappare e danneggiare piante.

Per approfondire la conoscenza di piante e fiori anche attraverso i sensi del tatto e dell'odorato è previsto l'apposito percorso denominato Galleria dei Profumi. Durante l'orario di lavoro e in occasione di eventi è possibile visitare anche la Camera delle Meraviglie ed acquistare piante officinali, piante dei frutti dimenticati e prodotti derivati dalla lavorazione delle erbe del Giardino, esposti nell'Emporio.

Tra le numerose specie coltivate troviamo: Origano, Melissa, Menta piperita, Camomilla romana, Rosmarino, Timo, Tiglio, solo per citarne alcune tra le più conosciute. Ma è la Lavanda il vero simbolo del Giardino delle erbe presente con oltre 20 cultivar. Nel mese di giugno ed in particolare attorno al solstizio d'estate, questo arbusto blu dà il massimo in intensità di colore e profumo.

Pianta fortemente aromatica, la lavanda è conosciuta fin dai tempi più antichi per le sue proprietà: sedativeantispasticheantinfiammatorieantimicrobiche e perfino ipocolesterolemizzanti. Più precisamente, tutte queste proprietà sono ascrivibili all'olio essenziale estratto dalla pianta. Presente in oltre 20 cultivar all'interno del Giardino. Varie visite guidate, su prenotazione, accompagnano il turista alla scoperta dei diversi profumi e colori e delle molteplici proprietà ed applicazioni di questa meravigliosa pianta. Il grande lavoro svolto dal Prof. Ceroni, sulla base di un viaggio in Francia, terra della Lavanda, organizzato dal ministero dell'agricoltura e Foreste nel 1958, ha portato alla selezione di un ibrido denominato Lavandula hybrida RC (cioè Rinaldi Ceroni). Capace di una elevatissima resa in essenza, come risulta dalle prove di distillazione che dal 1959 accompagnano studi e sperimentazioni.

Orari: lun-ven 09-12, 14-17; sabato 15-17.30; domenica 10-12, 15-17.30

Iniziative od eventi possono prevedere orari differenti.




Giardino delle Erbe Officinali
Giardino delle Erbe Officinali
(foto di Giardino delle Erbe Officinali)
 
Giardino delle Erbe Officinali
Giardino delle Erbe Officinali
(foto di Giardino delle Erbe Officinali)
 
Giardino delle Erbe Officinali
Giardino delle Erbe Officinali
(foto di Ente Parchi Romagna)
 
Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?Invia segnalazione