Newsletter Cristalli News
Newsletter con notizie, video e immagini
del Parco della Vena del Gesso
e le aree protette della Macroarea Romagna
Iscriviti
Chiudi
Logo del Parco
Condividi
Home » Ente di Gestione » Progetti » Progetti in corso » Made In-Land » Punti d'Interesse

Grotta Tanaccia

Si apre sul versante nord dei Gessi di Brisighella all'altezza della ex Cava Marana ma un centinaio di metri (di quota) più in basso. Consta di un maestoso antro d'accesso delimitato da staccionata per impedire il calpestìò che sarebbe nefasto per il piccolo ma prezioso tappeto di Aegopodium podagraria, Chelidonium majus e Phillytis scolopendrium.

La sua importanza archeologica come sito sepolcrale e poi votivo fu intuita già nel 1934-35 dal Mornig, speleologo triestino che per primo la rese nota senza peraltro accorgersi della lunga prosecuzione interna oltre la “frana” di massi che sembra chiudere il cavernone iniziale. Questa prosecuzione, lunga oltre 1,5 km, venne scoperta ed esplorata solo negli anni Cinquanta e Sessanta dal Gruppo Speleologico Faentino. Agli scavi ufficiali effettuati dalla Soprintendenza Archeologica soprattutto negli anni Cinquanta e che misero in luce ceramiche eneolitiche e del Bronzo Antico (oggi al Museo Nazionale di Ravenna), oltre ad alcune sepolture, si accompagnarono purtroppo diversi scavi abusivi e clandestini, con dispersione del relativo materiale.
Oggi la Tanaccia non è grotta turistica in senso vero e proprio, ma è parzialmente accessibile con visite speleologiche guidate grazie alla sua morfologia pianeggiante e all'attrezzatura messa a disposizione in loco. Prenotazioni presso il Centro-Visite del Rifugio Carnè.

Altre info su http://www.parchiromagna.it/parco.vena.gesso.romagnola/pun_dettaglio.php?id=1228

Comune: Brisighella (RA) | Regione: Emilia-Romagna | Localizza sulla mappa
Grotta Tanaccia
Grotta Tanaccia
(foto di Nevio Agostini)
 
Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?Invia segnalazione