Newsletter Cristalli News
Newsletter con notizie, video e immagini
del Parco della Vena del Gesso
e le aree protette della Macroarea Romagna
Iscriviti
Chiudi
Logo del Parco
Logo del Parco
Parco Regionale della
Vena del Gesso Romagnola
Condividi
Home » Territorio » Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola » Prodotti tipici » Prodotti

Razza suina Mora romagnola

La razza suina Mora romagnola è inconfondibile per il mantello marrone scuro tendente al nero a cui deve il nome. E' una razza suina con corpo allungato, alta al garrese circa 80 centimetri e che raggiunge un peso di 250-300 chilogrammi. I verri, più piccoli delle scrofe, hanno zanne molto lunghe, che li fanno assomigliare a cinghiali. In effetti, la Mora romagnola è una razza più vicina al progenitore selvatico delle razze normalmente allevate dall'uomo. Fu allevata comunemente fino agli anni '50 del secolo scorso, poi l'utilizzo venne abbandonato e la razza rischiò l'estinzione, fino al recupero avvenuto in tempi recenti, a partire dagli anni '80 del secolo scorso.

La razza è molto rustica ed adattabile, adatta all’allevamento semibrado anche in territori difficili come la Vena del Gesso. Ha carni di ottima qualità e di sapore eccellente, leggermente più scure e venate di grasso rispetto ai suini normalmente allevati, ma molto più profumate e sapide, assai tenere e dolci. Sono particolarmente adatte per la produzione di salami, prosciutto e cotechino e, dal 2006, sono presidio SlowFood. Presso il macello di Brisighella avvengono tutte le operazioni di macellazione, lavorazione, e stagionatura secondo un disciplinare certificato e garantito da un consorzio a cui sono associati gli allevatori locali e presso cui ha sede il Consorzio di tutela della Mora Romagnola.


Salumi di Mora
Salumi di Mora
(foto di Ivano Fabbri)
 
Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?Invia segnalazione